Lunga Marcia nelle Terre Mutate diventa un cammino solidale permanente

Lunga Marcia nelle Terre Mutate

27 giugno – 8 luglio | Da Fabriano a L’Aquila

La Lunga Marcia nelle Terre Mutate, organizzata da Movimento Tellurico, APE Roma e FederTrek, è un trekking solidale che partirà da Fabriano il 27 giugno per arrivare a L’Aquila l’8 luglio (Clicca qui per il Percorso 2018).

Ma diventerà anche un nuovo percorso di turismo lento nel cuore dell’Appennino: stiamo realizzando un cammino naturalistico e solidale da Fabriano a L’Aquila, da percorrere in qualsiasi periodo dell’anno, a piedi o in bicicletta, attraverso comuni e territori colpiti dai terremoti del 2016 e del 2017. In questo modo contribuiremo a favorire un rilancio economico e un rafforzamento del tessuto sociale, una “cucitura” dei territori nel lungo arco di tempo necessario per la ricostruzione.

Il percorso è lungo più di 200 km, ad oggi coinvolge dodici comuni di quattro regioni del centro Italia (Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo) e passa per i sentieri escursionistici e ciclabili del Parco Nazionale dei Monti Sibillini e del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga. Ogni tappa sarà caratterizzata dall’accoglienza delle associazioni locali per favorire l’incontro con le comunità dei territori.

Entra in contatto con noi e diventa anche tu un costruttore di cammini:

  • Promuovi il progetto sulla stampa e sui social
  • Partecipa ai sopralluoghi
  • Cammina con noi nella Lunga Marcia 2018
  • Organizza un evento di promozione
  • Contribuisci alle spese del progetto

Per finanziare il progetto abbiamo necessità di raccogliere fondi e adesioni. Se desideri sostenere le nostre attività con un qualsiasi contributo, puoi farlo tramite bonifico sul nostro conto corrente Banca Etica (Iban: IT17Z0359901899050188527211) oppure tramite PayPal, cliccando sul pulsante qui sotto. Grazie per il tuo aiuto!


 

Contatti e informazioni: info@movimentotellurico.it

Appello per la Lunga Marcia per L’Aquila 2016

Quinta edizione – 25 giugno – 8 luglio 2016
Da San Giuliano di Puglia a L’Aquila

Parco della Memoria di San Giuliano di Puglia (dai sopralluoghi di gennaio 2016)
Parco della Memoria di San Giuliano di Puglia (sopralluogo gennaio 2016)

Ricostruzione, prevenzione e messa in sicurezza del territorio
sono l’unica e vera grande opera per tutto il Paese.

L’Aquila è ormai giunta al settimo anniversario del sisma del 6 aprile 2009.
Se le periferie sono in gran parte ricostruite (all’85%) il centro storico, nella sua immota distruzione, rimane il simbolo di una ricostruzione lunga, difficile e ancora da progettare in particolare per quanto riguarda il restituire alla città la sua anima di prima.
Se qualche edificio pubblico e diverse chiese (di recente la basilica di San Bernardino) sono stati ricostruiti, se in alcuni palazzi sul Corso sono state riaperte le attività commerciali, la quasi totalità dei quarti privati è ancora in attesa, con i portoni a volte sprangati, a volte aperti allo sciacallaggio.
E come avevamo scritto fin dalla prima Lunga Marcia nel 2012, più passa il tempo e più insieme alle mura restano sgretolati i rapporti umani, le relazioni, gli affetti: tutto quello che, insieme alla condivisione degli stessi spazi che hanno il sapore della storia, costituisce una città.

Siamo tornati a L’Aquila ogni anno per capire quali fossero le criticità più sentite sulle quali attirare l’attenzione per mezzo della nostra iniziativa. Quest’anno abbiamo trovato una città che con fatica tenta di averla vinta sui numerosi ostacoli che si frappongono alla ricostruzione. Abbiamo saputo che ancora oggi, a distanza di sette anni dal sisma, nessuna scuola è potuta ritornare a casa, nella propria sede deputata: tutte le scuole aquilane sono ancora costrette a esercitare il proprio magistero in sedi provvisorie, là dove il terremoto le aveva costrette a traslocare. Alcuni bambini hanno iniziato e completato il proprio corso di studi elementari in tali luoghi senza aver mai potuto sapere cosa sia una “vera” scuola.

La Lunga Marcia 2016 partirà da San Giuliano di Puglia, in Molise, in ricordo del tragico crollo, addebitabile al mancato rispetto delle normative antisismiche, della scuola elementare del paese: l’unico edificio a causare vittime, 27 bambini e una maestra, in occasione del terremoto molisano del 2002. Con i nostri passi congiungeremo idealmente la storia di San Giuliano con quella del capoluogo abruzzese, per sottolineare la necessità di avviare una campagna nazionale di messa in sicurezza antisismica degli edifici più vecchi e non edificati secondo le moderne regole di sicurezza, a cominciare dalle scuole e dagli altri edifici pubblici.

Questa è la vera Grande Opera di cui ha bisogno l’Italia!

L’Aquila, partendo dalla propria esperienza, può diventare il centro motore di questo progetto. Una Grande Opera che metta in moto migliaia di iniziative, che favorisca l’apertura di migliaia di cantieri, con il relativo indotto economico a beneficio di tutti i cittadini e non solo per i pochi centri di potere interessati a sedicenti Grandi Opere che di grande hanno solo l’appetito speculativo che risvegliano.

A TALE SCOPO RIVOLGIAMO UN APPELLO

alle associazioni e organizzazioni, agli enti locali territoriali e alle singole persone affinché diano la loro adesione e il loro sostegno a questa grande camminata solidale, la Lunga Marcia per L’Aquila 2016 da San Giuliano di Puglia a L’Aquila per chiedere:

  • Che, nell’alveo di una più vasta iniziativa pubblica per la prevenzione e la messa in sicurezza del territorio dai disastri ambientali sia avviata una campagna nazionale per la messa in sicurezza antisismica a cominciare da scuole ed edifici pubblici ed incentivata quella privata con una legge ordinaria che preveda la totale detraibilità fiscale degli interventi realizzati a tal fine nonché forme di accesso agevola¬to al credito tramite malleva pubblica.
  • Che sia contestualmente avviata una campagna a livello nazionale per la diffusione della cultura e delle pratiche di prevenzione antisismica nell’ottica della tutela delle relazioni umane e della resilienza con il coinvolgimento e partecipazione delle comunità locali in tutte le forme organizzative e che sottolinei l’importanza delle specificità dell’ambiente e del territorio.
  • Che a L’Aquila siano finalmente riaperte le scuole nelle loro sedi deputate, completando il lavori di ripristino e messa in sicurezza antisismica con immediato stanziamento dei fondi più volte promessi e mai effettivamente stanziati a tale scopo.

La nostra associazione Movimento Tellurico – trekking, ecologia e solidarietà ha come scopo statutario quello di promuovere attraverso la pratica dell’escursionismo la conoscenza del territorio, tanto dal punto ambientale che da quello storico e antropologico, nonché la sua cura e tutela attraverso la divulgazione nei luoghi che attraversiamo e fra le comunità che incontriamo della conoscenza delle buone pratiche ecologiche di prevenzione dal dissesto idrogeologico e di prevenzione antisismica.

Invitiamo perciò tutti i soggetti interessati a inviare all’indirizzo email movimentotellurico@gmail.com la seguente  DICHIARAZIONE DI ADESIONE:

Preso atto dell’appello per La Lunga Marcia per L’Aquila 2016, dichiaro di voler aderire al Comitato Organizzativo della Lunga Marcia per L’Aquila 2016.

Ente, Associazione: _______________________________________________________________________________

Recapito , email, telefono ________________________________________________________________________

Puliamo insieme un tratto della Lunga Marcia per L’Aquila

DSC_9069

Sabato 20 giugno unitevi a Movimento Tellurico per ripulire un sentiero naturalistico abbandonato su cui il 29 giugno prossimo transiterà la Lunga Marcia per L’Aquila: per fare del lavoro un’occasione di Festa!

Il tracciato costeggia l’Aniene proprio sotto Anticoli Corrado, il sentiero è lungo un paio di chilometri e ha bisogno dell’aiuto di tutti per uscire dall’attuale stato di abbandono e tornare a nuova luce. Potevamo scegliere di usare un bel decespugliatore: un po’ di miscela e tanto rumore per farlo, ma abbiamo preferito chiamare a raccolta chi volesse impegnarsi a ‘pulire’ oltre che camminare su questa Terra e organizzare una giornata di lavoro e di festa.
Si parte dal Casone-Valle dell’Aniene di Legambiente alle 10:30.

Per il lavoro…
c’è bisogno di braccia volenterose, cesoie, guanti, cappello e vestiti dismessi che proteggano tutto il corpo: da ortica a rovi c’è di tutto 🙂

Per la festa…
il Casone di Legambiente ci aspetta per il pranzo che sta organizzando al costo di 17 euro a persona, tutto incluso. In questo caso abbiamo bisogno della vostra prenotazione.

Per camminare…
Chi ha voglia di fare anche una camminata può scegliere di prendere il treno Roma Tiburtina – Mandela e percorrere un tratto della prossima Lunga Marcia, su strada comoda e tranquilla, fino al Casone di Anticoli Corrado. A fine giornata percorso inverso dal Casone alla stazione di Mandela.

Appuntamenti:

  • in auto: ore 10:00 al Casone di Anticoli Corrado (Strada Provinciale 36a, 101).
  • in treno per camminare prima della pulizia: appuntamento a Roma Stazione Tiburtina ore 7:30, il treno parte 7:42 e arriva alle 8:44 a Mandela, poi a piedi fino al Casone (circa 7 km)
  • in treno per partecipare direttamente alla pulizia: Roma Stazione Tiburtina treno delle 8:15 con arrivo alle 9:36 a Mandela, poi un servizio ‘volontario’ auto-navetta fino al Casone, previo avviso.
    Treni per tornare a Roma: ore 15:40 – 16:40 – 17:09 – 18:15

L’iniziativa è aperta a tutti ed è gratuita, Movimento Tellurico aprirà una sottoscrizione libera e volontaria per sostenere le spese della Lunga Marcia 2015.

Unico obbligo per la partecipazione è essere tesserati con FederTrek per la copertura assicurativa. Per chi non ne fosse provvisto, è sufficiente avvisarci e attiveremo la tessera il giorno stesso dell’iniziativa al costo di 15 euro (la tessera è valida per un anno e dà accesso a tutte le iniziative FederTrek, compresa naturalmente la Lunga Marcia in partenza il 27 giugno).

Per informazioni:
Pietro Giuliati 329 429 3301 (dalle 18 alle 20)
pgiuliati@gmail.com
movimentotellurico@gmail.com

Via Francigena Collective Project

Il nostro Movimento Tellurico sostiene la terza edizione del Festival “Collective Project Via Francigena“, promosso dall’Associazione Europea delle Vie Francigene e dall’Associazione Civita. Oltre 230 eventi, vengono organizzati dal e sul territorio, con un programma da giugno a settembre 2013 in Italia, Svizzera, Francia, sino a Canterbury in Inghilterra, volti a valorizzare e a promuovere la Via Francigena e i territori attraversati dall’antico percorso. In quest’ottica anche la Lunga marcia per L’Aquila è stata inserita nel ricco programma 2013.

Il Festival, che quest’anno è dedicato al tema “Pellegrini. Cittadini d’Europa“, ovvero alla cittadinanza europea a vent’anni dalla sua introduzione, è realizzato con la collaborazione e il contributo del Progetto Interregionale “Via Francigena” partecipato dalle Regioni Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Liguria, Toscana, Lazio, la Fondazione Roma, Regione Puglia-Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo con Pugliapromozione, BBS e Novasol.

Il Festival è articolato in cammini ed escursioni, eventi culturali, riti religiosi, rievocazioni storiche, rassegne enogastronomiche, visite guidate e arte, concerti, teatro, danza e pittura. Un fitto programma che dà un respiro ampio e una prospettiva europea al Festival di uno dei maggiori itinerari culturali del Consiglio d’Europa.